THM per il cancro alla prostata

Analisi prostata PCA

Il carcinoma vescicale rappresenta una patologia purtroppo abbastanza frequente che origina dalle cellule che formano il rivestimento interno della vescica: l'epitelio uroteliale o urotelio.

Il carcinoma vescicale, tuttavia, THM per il cancro alla prostata spesso anche pazienti non esposti a questi rischi. Queste due caratteristiche della neoplasia vescicale rendono di vitale importanza un adeguato monitoraggio nel tempo follow up dei pazienti anche dopo la rimozione del tumore. In questo articolo proviamo ad analizzare i fattori prognostici più importanti per individuare il rischio di recidiva e progressione del carcinoma uroteliale superficiale della vescica e forniamo inoltre uno strumento pratico per calcolare la probabilità che questi eventi si verifichino.

I fattori più importanti da considerare sono:. La scelta se eseguire o meno una di THM per il cancro alla prostata terapie adiuvanti, quale sostanza THM per il cancro alla prostata e per quanto tempo utilizzarla, si basa proprio sul tipo di tumore vescicale presente e in particolare sulla categoria di rischio associata. Inserendo nei campi sottostanti le caratteristiche di un determinato tumore vescicale si ottiene il rischio reale di recidiva e progressione a 1 e 5 anni dalla diagnosi.

NB: nel singolo caso le cose potrebbero andare diversamente! Il carcinoma della vescica — a differenza di molte altre forme tumorali - è una malattia che presenta un rischio di recidiva e progressione non trascurabile.

Alcuni argomenti trattati in questa pagina sono stati approfonditi in articoli dedicati. Potete trovare queste informazioni seguendo i link qui riportati:. In questo sito trovi una serie di articoli informativi di argomento urologico e andrologico. Sono tutti articoli originali diffusi in modo completamente gratuito.

Se le informazioni che hai ricevuto si sono rivelate in qualche modo utili, THM per il cancro alla prostata contribuire in modo concreto a sostenere l'esistenza di questo sito. Hai 2 possibilità per farlo:. I fattori più importanti da considerare sono: Il tasso di recidiva del tumore: una neoplasia che si è presentata più volte in passato è potenzialmente più pericolosa di una malattia al primo episodio. La presenza di un numero di tumori superiore a 8 è correlata con un rischio più elevato di recidiva e progressione.

Il diametro del tumore: il limite che differenzia le forme più a rischio da quelle meno problematiche si aggira sui 3 centimetri. Lo stadio di infiltrazione della parete vescicale: si distinguono le forme papillari limitate al solo urotelio definite Ta nella classificazione TNM da quelle che raggiungono anche i primi tessuti sottoepiteliali T1.

Un tumore è invece ad alto rischio quando presenta anche solo uno dei seguenti aspetti: stadio di crescita T1, Grading G3, presenza di CIS associato. Tutte le forme neoplastiche che non rientrano in questi due gruppi rappresentano i tumori a rischio intermedio. Quali terapie possono ridurre il rischio di recidiva e progressione? Calcolatore del rischio di recidiva e progressione del carcinoma vescicale: Inserendo nei campi sottostanti le caratteristiche di un determinato tumore vescicale si ottiene il rischio reale di recidiva e progressione a 1 e 5 anni dalla diagnosi.

Approfondimenti: Alcuni argomenti trattati in questa pagina sono stati approfonditi in articoli dedicati.