Il cancro alla prostata nel 2015

Scelta del trattamento per il cancro alla prostata

Leggi tutto. Il cancro alla prostata è la neoplasia più frequente negli uomini: nel ne sono stati diagnosticati circa Anche i neoplasmi alla il cancro alla prostata nel 2015 e al rene hanno una elevata incidenza nella popolazione maschile. Quello della vescica è il quarto tumore più frequente nei maschi con il cancro alla prostata nel 2015 Ne parliamo con il Dott.

Giuseppe Costa direttore facente funzioni del reparto di urologia Ulss il cancro alla prostata nel 2015 Sono stime certamente consistenti. Le possibilità di ammalarsi aumentano sensibilmente dopo i 50 anni e circa due tumori su tre vengono diagnosticati in persone con più di 65 anni. Altro fattore non trascurabile è senza dubbio la familiarità il rischio per chi ha un parente consanguineo con malattia è doppio rispetto a chi non ha nessun caso in famiglia. Anche per il tumore della vescica le cause sono sconosciute, ma il fumo è il più importante fattore di rischio.

I criteri di selezione negli ultimi 5 anni sono stati rivisitati. La pregressa chirurgia pelvica, dapprima criterio di esclusione, ora viene valutata caso per caso e spesso affrontata con successo. Ai pazienti con patologie croniche concomitanti, meno interessati alla conservazione della potenza sessuale, viene proposta la chirurgia open classica.

Il robot da Vinci Xi supera le limitazioni della chirurgia convenzionale e permette al chirurgo di eseguire interventi chirurgici complessi con tecnica minimamente invasiva. Non appare improbabile che limitazioni attuali alla tecnica robotica un domani prossimo possano essere superate da ulteriori innovazioni tecnologiche. Il chirurgo fisicamente lontano dal campo operatorio, seduto alla consolle dotata di monitor e comandi, muove i bracci del robot collegati agli strumenti endoscopici introdotti attraverso il cancro alla prostata nel 2015 incisioni cutanee da 8 a 12 mm.

Un riferimento alla prevenzione sempre più attento da parte della popolazione maschile, sensibilizzata, anche da campagne medianiche, ha permesso una diagnosi precoce e un conseguente rapido trattamento dei tutte le principali patologie uro-oncologiche, con un conseguente aumento della sopravvivenza.

La maggiore attenzione alle linee guida urologiche italiane e internazionali ha permesso di standardizzare i percorsi diagnostici-terapeutici, migliorando la risposta qualitativa al paziente.

Le evoluzioni tecnologiche, dal momento diagnostico al momento terapeutico dalle innovazioni laboratoristiche alla chirurgia endoscopica, laparoscopica e robotica e la sempre più alta attenzione verso il paziente geriatrico hanno permesso di aumentare il tasso di sopravvivenza. Questi pazienti, che un tempo non lontano venivano lasciati al loro destino, oggi ricevono trattamenti efficaci alla pari degli altri pazienti meno anziani. Oggi dare una risposta a questi pazienti è ancora più doveroso di ieri.

Nome e Cognome richiesto :. E-Mail richiesto :. Messaggio richiesto :. Clicca sul riquadro sottostante per dimostrare che sei umano richiesto :. Informasalute N. Il Segreto. Ogni due mesi diamo voce ai medici, agli specialisti e ai responsabili che operano nel territorio per avere risposte, spiegazioni e informazioni sulle questioni di maggior interesse.

Senza il team redazionale, nulla di il cancro alla prostata nel 2015 sarebbe possibile! Seguici su.